ROSANERO UNIVERSE

A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

In questa sezione ho voluto raccogliere le schede dei giocatori e degli allenatori più rappresentativi della storia del Palermo. Per le schede dei giocatori che non ho avuto la fortuna di veder vestire la maglia rosanero ho raccolto le descrizioni da altri siti o da articoli sui giornali o su le riviste. Per i giocatori della storia recente ho redatto personalmente la scheda in cui mi avvalgo del mio giudizio e della mia esperienza personale. I giocatori e gli allenatori sono suddivisi per lettera dell'alfabeto, quindi cliccate sulla lettera dell'alfabeto per effettuare la scelta.

 

Ignazio Arcoleo

a

Ignazio Arcoleo, nato a Palermo il 15 febbraio 1948, ha assaporato il piacere di giocare con la maglia rosanero stagioni indimenticabili. Dopo le giovanili nella Juventina Palermo, inizia la carriera professionistica nel 1966/67 nella prima squadra della sua città. Torna nel Palermo Calcio nel 1970, diventando uno dei giocatori puù rappresentativi dei rosanero in quel periodo. Ma la storia di Arcoleo è una storia strana, sembra che il destino si sia divertito a intrecciare la sua vita professionale con eventi legati al colore della maglia: rosa e nero, gioia e dolore, speranza e rassegnazione. Sia da giocatore che da allenatore. È uno degli uomini dell'ultima promozione, il calciatore presente nelle due finali di Coppa Italia, ma è anche colui che ha commesso il fallo da rigore col Bologna (prima finale,fallo inesistente). Suo è stato il primo gol trasmesso dalla tv a colori. Nel 1983/84, Arcoleo inizia la carriere di allenatore al Gruppo Sportivo Mazara 1946, in D. La stagione 1984-85 vide Ignazio Arcoleo allenare ancora il Mazara, trionfando nell'allora campionato di Interregionale, società però punita con cinque punti di penalizzazione in seguito a un'accusa di illecito sportivo. Tale penalizzazione consentì ai rivali dell'Associazione Sportiva Trapani di scavalcarlo in classifica e conquistare la promozione in Serie C2. Arcoleo, dopo una stagione con l'Akragas in C2, passa nel 1992 a guidare i cugini dell'AS Trapani, chiamato dal presidente Bulgarella. Vince subito il torneo di C2 e in una splendida stagione in C1 arriva ai playoff, ma non viene promosso in B per un gol subito nel recupero nella gara di ritorno con il Gualdo. Nella stagione 1995/96 torna nella sua città. Come allenatore del Palermo, Arcoleo ha vissuto momenti esaltanti e bui. Arcoleo, nella stagione 1995-96, con la missione della salvezza, creò una squadra corsara, giovane, dal gioco spumeggiante che ottenne il nono posto in serie B (nel girone d'andata era primo in classifica). Era il cosiddetto "Palermo dei palermitani". Indimenticabili le vittorie in coppa con Parma e Vicenza. Ma l'anno successivo qualcosa si ruppe, e in due stagioni la squadra precipitò dalla B alla C2. Il bagliore di Arcoleo si spense rapidamente, ma da quella esperienza a tutti emerse la qualità umana del tecnico non si è lasciato andare a piagnistei, a scaricare la responsabilità sugli altri , ma ha accettato la situazione proseguendo il suo cammino a testa alta. Un vero professionista. Adesso è commentatore per la rete TRM ma come allenatore avrebbe meritato ben altra carriera.

Carriera

1966-67
Palermo
4 (0)
1968-69
Taranto
2 (0)
1970-74
Palermo
126 (5)
1974-78
Genoa
132 (8)
1978-80
Palermo
62 (1)
1980-82
Reggina
n.d.
1982-83
Nocerina
10(0)

 

 

 

Menù

 

 

   

WOP!WEB Servizi per siti web... GRATIS!

banner

Diventa fan su

www.rosanerouniverse.it - Sito di Fabrizio Germano © Fabrizio Germano 2007 - sitemap

Ogni marchio appartiene al rispettivo proprietario.Per info disclaimer